Disturbo Oppositivo -Provocatorio

(DOP)

no-3442954_1920.jpg

Il Disturbo Oppositivo-Provocatorio (DOP) si caratterizza per una marcata difficoltà nella regolazione emotiva e nel controllo comportamentale, con il prevalere di atteggiamenti di sfida, disturbanti, provocatori e di rabbia ed irritazione. 

La prevalenza del disturbo varia tra l’1 e l’11%, con una stima media del 3,3% circa e sembra essere più frequente nei maschi rispetto alle femmine. 

Spesso inoltre si presenta associato al Disturbo da Deficit di Attenzione ed Iperattività (ADHD)

smilies-2912641_1920.jpg
men-191933_1920.jpg

PERCORSO DIAGNOSTICO E PRINCIPALI CARATTERISTICHE

Al fine di effettuare una corretta diagnosi, oltre all'osservazione del bambinorisultano fondamentali i colloqui con genitori ed insegnanti che possono fornire informazioni sulla persistenza e frequenza dei comportamenti  permettendo di distinguere il disturbo vero e proprio da un comportamento ai limiti della norma.

Si ricorda infatti che il comportamento sfidante caratterizza tipicamente diverse fasi dello sviluppo ("i terribili due" , l'adolescenza) senza per questo costituire una problematica conclamata. 

Per poter parlare di DOP è necessario che siano presenti almeno 4 dei sintomi seguenti, per almeno 6 mesi, determinando una significativa compromissione del funzionamento del paziente. 

  • Umore arrabbiato/irritabile. Il bambino/adolescente va spesso in collera, è spesso suscettibile o irritabile; è spesso arrabbiato o rancoroso. 

  • Comportamento ostile/provocatorio. Litiga con le figure autoritarie; sfida o si rifiuta di seguire le richieste e le regole; spesso irrita deliberatamente gli altri o accusa gli altri per i proprio errori e per il proprio comportamento. 

  • Vendicatività. 

stormtrooper-1995015_1920.jpg

IL TRATTAMENTO

L'intervento presso lo studio FiorireLaMente prevede l'applicazione del Coping Power Programun protocollo di trattamento multimodale sviluppato da J. Lochman negli anni 90, validato e supportato empiricamente. 

Il programma si struttura in circa 30 incontri a cadenza settimanale che possono essere svolti in piccolo gruppo o individualmente e prevede parallelamente 16 incontri quindicinali destinati ai genitori. Il coinvolgimento della famiglia risulta fondamentale per la buona riuscita dell'intervento.  

Gli obiettivi principali dell'intervento per i bambini riguardano l'acquisizione di strategie di gestione della rabbia, tramite il riconoscimento e la modulazione dei segnali fisiologici e dei sentimenti ad essa legati, l'incremento della capacità di capire ed accettare il punto di vista altrui, l'insegnamento di modalità adeguate di interazione con i coetanei; l'incremento della capacità di problem solving e della capacità di resistere alle pressioni dei pari.

Gli incontri destinati ai genitori si pongono invece il fine di favorire la tendenza a gratificare e a fornire attenzione positiva ai figli, a stabile regole chiare e conseguenza prevedibili e stabili, nonché promuovere l'utilizzo di adeguate pratiche educative, ridurre lo stress genitoriale ed incrementare la comunicazione famigliare e le capacità genitoriali di problem solving. 

Entrambi i moduli, per bambini e genitori, prevedono inoltre una sessione dedicata allo sviluppo della capacità di organizzare efficacemente lo studio e lo svolgimento dei compiti a casa.